Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


 

Solidarietà Autogestita

ldc131

 


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home Appuntamenti Trieste & FVG Primo maggio a Trieste

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Primo maggio a Trieste
Scendiamo in piazza al corteo del 1 maggio con uno spezzone libertario con al centro il tema dell'autogestione.
Lo spezzone vuole essere aperto, visibile e comunicativo e sarà caratterizzato anche da musica con tamburi e strumenti autoprodotti...scendi in piazza e porta il tuo strumento!
Distribuiremo un volantone bilingue (italiano sloveno-vedi in fondo) sul tema del'autogestione e ovviamente la stampa anarchica e anarcosindacalista. Lo spezzone sarà aperto dalla scritta sempre bilingue "l'autogestione è libertà!". A fine corteo in piazza unità banchetto con libri e altri materiali.

Assemblea Libertaria

 



Letošnji prvomajski sprevod bo vseboval tudi libertarno sekcijo, osredotočeno na temo samoupravljanja. Želimo biti odprti, vidni in komunikativni, zaradi tega bodo naš sprevod obogatili glasbeniki s tolkali in drugimi najrazličnejšimi glasbili ... pridruži se nam še ti s svojim inštrumentom.
Razdajali bomo dvojezične letake na temo samoupravljanja, poleg seveda anarhističnega ter anarhosindikalistična tiska. Na čelu sprevoda bo prisoten dvojezični transparent z napisom »libertarno samoupravljanje je svoboda«, na Trgu Unità pa bomo postavili stojnico s knjigami in drugim materijalom.

Libertarna Skupščina
 

 


Gruppo Anarchico Germinal
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
germinalts.noblogs.org
via del bosco 52/a


Unione Sindacale Italialia (USI-AIT)
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
usi-ait.org
via dei Cunicoli 11

 


 

QUESTO IL TESTO DEL VOLANTONE CHE DIFFONDEREMO

L’AUTOGESTIONE E' LIBERTA'
L’autogestione è una pratica finalizzata alla creazione di un’organizzazione sociale che basa la vita e le relazioni tra gli esseri umani sulla gestione diretta, assembleare, senza deleghe in tutti i possibili ambiti collettivi.

Gli esempi che portiamo sono una piccola panoramica delle migliaia di esperimenti che da decenni, in tutto il mondo, sono una concreta risposta al disastro sociale in cui siamo immersi: disoccupazione, lavoro sempre più precario, sottopagato e sfruttato, miseria culturale, relazionale ed economica crescente, servizi sociali sempre meno rispondenti alle esigenze della collettività, devastazione ambientale, controllo sociale esplicito e violento, ma anche sottile e tecnologico.


-a Trezzano sul Naviglio (MI) gli operai della fabbrica MAFLOW dopo il fallimento e la chiusura della ditta hanno occupato gli stabilimenti e hanno riavviato la produzione attraverso la costituzione di una cooperativa. (vogliamocontinuarealavorareallamaflow.blogspot.it)

- da decenni è attiva a Trieste una struttura locale dell’Unione Sindacale Italiana, sezione italiana dell’Associazione Internazionale dei Lavoratori, erede della I Internazionale.
Oltre ad agire come sindacato a tutti gli effetti, l’USI non solo riempie di contenuti autogestionari le proprie lotte – oggi molto dure in particolare nel settore della sanità negli ospedali S.Raffaele e S.Paolo a Milano e Careggi a Firenze, nonché nei settori della distribuzione (LeRoyMartin) e della cooperazione sociale – ma è anche presente in prima persona nel sostegno solidale di esperienze autogestionarie sia in Italia che a livello internazionale (ambulatorio popolare di Genova, Coop.Malatesta di Lecco, Birrificio di Parma, progetto Flores Magon, in solidarietà diretta con la comunità zapatiste del Chiapas) (www.usi-ait.org)

-la cooperativa MAG 6 (Mutua AutoGestione) di Reggio Emilia da 25 anni pratica, principalmente a livello locale, forme di economia critica e solidale completamente estranea al circuito bancario. Rifacendosi alla storica esperienza delle Società Operaie di Mutuo Soccorso, raccoglie i risparmi dei soci allo lo scopo di finanziare attività sociali e produttive in ambito cooperativo, no-profit, ecc. che, proprio a causa delle loro finalità, non ottengono facilmente credito dal sistema finanziario tradizionalmente votato alla speculazione. MAG6 è anche una rete di persone, gruppi, imprese, che intendono relazionarsi in modo equo e solidale, condividendo ciò che sono e ciò che hanno (denaro, tempo, competenze, informazioni, prodotti, servizi, valorizzando al massimo le proprie diversità, lavorando insieme per il benessere della collettività.
Altre MAG sono attive a Torino e a Firenze. (www.mag6.it)

-vanno diffondendosi scuole, asili e doposcuola autogestiti, basati sui principi dell’educazione libertaria, che attraverso metodologie e contenuti tendono a favorire la libera espressione e realizzazione dell'individuo: non vengono utilizzati sistemi valutativi sulla persona e vengono rifiutate le logiche gerarchiche nelle relazioni tra gli esseri e tra i diversi saperi.
L’esperienza più nota è la scuola di Summerhill, nata in Inghilterra nel 1921,dove vivono attualmente una sessantina di ragazzi e ragazze dai 6 ai 16 anni che provengono da ogni parte del mondo e fanno esperienza tra la natura, i laboratori e le aule. (www.educazionelibertaria.org)

-Autistici /Inventati nasce nel marzo 2001 dall'incontro di individualità e collettivi che si occupano di tecnologie, privacy, diritti digitali e attivismo politico. L'idea di base è quella di fornire strumenti di comunicazione liberi e gratuiti su vasta scala, spingendo le persone a scegliere modalità comunicative libere anziché commerciali. A/I fornisce tutta una serie di servizi liberi, gratuiti e rispettosi della privacy (www.autistici.org)

-a Capodistria da alcuni anni i lavoratori portuali, auto-organizzati in un sindacato indipendente dalle grandi centrali sindacali, attraverso dure lotte sono riusciti ad ottenere notevoli miglioramenti salariali e a bloccare la completa privatizzazione del porto (zerjavisti.wordpress.com)

-dal 1984 nel Cremonese esiste la cooperativa agricola IRIS che da sempre sviluppa le proprie capacità agronomiche, con l’intento di promuovere le metodologie e le tecniche dell’agricoltura biologica favorendo così il diffondersi della loro applicazione e
diventando un punto di riferimento per il settore nazionale ed internazionale. Dal maggio 2005 ha acquisito il Pastificio “PASTA NOSARI” in forti difficoltà, erano a rischio 26 posti di lavoro, mantenendo gli stessi contratti di lavoro, migliorandone però l’organizzazione, inserendo due pause giornaliere ed aumentando il personale. Propongono una gestione non verticistica, potenziando il corpo sociale con i lavoratori stessi. (www.irisbio.com)

-nel 1995 nasce concretamente la Comune Urupia nel Salento, progetto autogestionario che oggi vede impegnate una decina di “comunarde”. Principi costitutivi, tra gli altri, sono l’assenza della proprietà privata e il principio del consenso, ossia l’unanimità nelle decisioni.Le relazioni, il lavoro, i ritmi, le scelte funzionano su base volontaria L’economica di questa comune aperta si appoggia quasi esclusivamente sull’agricoltura biologica e su una rete di distribuzione solidale dei prodotti. (urupia.wordpress.com)


Ovunque, anche vicino a noi, si sviluppano iniziative tese a realizzare luoghi collettivi di vita che possano essere contesti quotidiani dove realizzare le idee di uguaglianza e di libertà nelle relazioni tra gli esseri e dalle quali far partire progettualità in grado di disegnare il possibile cambiamento sociale e produttivo per tutta la comunità: basti pensare ai GAS (gruppi di acquisto solidali) in cui le persone si organizzano per acquistare dai produttori, senza intermediari, i beni che servono alla vita di tutti i giorni, cercando di ridurre l'impatto ambientale ed economico dovuto al trasporto delle merci, risparmiando sui costi e dando vita nuove forme di scambio e autoproduzioni oppure alle pratiche di occupazione di case e spazi sociali, per far fronte alle necessità abitative e per dare vita a nuove forme di socialità.

I percorsi di autogestione sociale e di lotta che ogni giorno si intraprendono in ogni parte del mondo dimostrano ancora e ancora che immaginare e realizzare altre strade è possibile.

 

LIBERTARNO SAMOUPRAVLJANJE JE SVOBODA

Samoupravljanje je praksa, ki si postavlja kot cilj ustvaritev družbene organizacije, v kateri se življenje in odnosi med ljudmi gradita na temelju neposrednega, skupinskega upravljanja brez predstavništev na vseh možnih skupnih področjih.

Spodaj navedeni primeri so le majhen pregled nad tisoče poskusov libertarnega samoupravljanja, ki že več desetletij predstavljajo konkreten odgovor na socialni propad, ki nas obdaja:

brezposelnost; negotova delovna razmerja; izkoriščevalno delo; vedno večji propad kulture; druženja in ekonomije; socialne službe, ki posvečajo vedno manj pozornosti na kolektivne potrebe; uničevanje okolja; nasilna, izrecna, ampak tudi ostra in tehnološka socialna kontrola.

v Trezzano sul Naviglio (MI) po stečaju in zaprtju tovarne MAFLOW so delavci zasedli prostore in ponovno zagnali delovanje z ustanovitvijo zadruge. (vogliamocontinuarealavorareallamaflow.blogspot.it)

Že desetletja deluje v Trstu lokalna filiala Unione Sindacale Italiana, italijanska sekcija AIT/IWA, dedinja prve Internacionale.

Poleg tega da deluje kot sindikat, USI uporablja način samoupravljanja v lastnih bojih, ki se dandanes izvajajo v še posebno trdih situacijah kot v zdravstvenem sektorju, kot na primer v bolnicah S.Raffaele in S.Paolo v Milanu in Carreggi v Firencah. Unione Sindacale Italiana je obenem aktivna v sektorju distribucije (LeRoyMartin) in socialnega sodelovanja. V prvi vrsti sodeluje pri solidarni podpori različnim samoupravnim pobudam tako v Italiji kot na mednarodnem nivoju (ambulatorio popolare iz Genove, Zadruga Malatesta iz Lecca, Pivovarna iz Parme, projekt Flores Magon in direktna solidarnost z zapatistično skupnostjo iz Chiapasa)

Zadruga MAG 6 (vzajemno samoupravljanje) iz Reggio Emilije že 25 let uporablja način kritične in solidarne ekonomije, ki se striktno izogiba bančnih sistemov. Zgleduje se po zgodovinski izkušnji Delavske družbe vzajemne pomoči, zbira prihranke članov z namenom financiranja raznoraznih socialnih in produktivnih delovanj v sklopu zadrug, no profit organizacij, itd. Slednje organizacije, prav zaradi svojega namena, težko dobivajo posojila s strani finančnega sistema, ki sloni na špekulaciji. MAG6 predstavlja obenem mrežo oseb, skupin in podjetij, ki težijo k pravični trgovini in želijo deliti z drugimi to kar so in kar imajo (denar, čas, znanje, informacije, proizvode, storitve), k valorizaciji razlik in skupnemu delu za dobro počutje kolektiva. Druge MAG so prisotne v Turinu in Firencah. (www.mag6.it)

Veča se prisotnost samoupravljanih šol, vrtcev in izvenšolskih dejavnosti, ki se zgledujejo po principih libertarne vzgoje. Preko svojih metod in vsebin skušajo izboljšati prosto izražanje posameznikov. Ne uporabljajo ocenjevalnih sistemov in hierarhij med osebnimi odnosi in tistimi različnih stopenj znanja. Najbolj znana je šola Summerhill, ki je nastala leta 1921 v Angliji, kjer trenutno živi in se uči v naravi, laboratorijih in učilnicah okrog šestdeset otrok med 6 in 16 leti iz različnih krajev sveta. (www.educazionelibertaria.org)

-Autistici/Inventati je nastala po srečanju različnih posameznikov in kolektivov, ki se ukvarjajo s tehnologijo, zasebnosti, digitalnimi pravicami in političnim aktivizmom. Izhodiščna točka je nuditi ljudem brezplačne in odprte komunikacije pripomočke in s tem pospešiti uporabo tovrstnih prostih komunikacij namesto komercialnih. A/I ponuja celo vrsto brezplačnih in prostih storitev, ki spoštujejo zasebnost posameznikov. (www.autistici.org)

- V Kopru so se pred par leti pristaniški delavci združili v samo-organiziran neodvisen sindikat. S težkimi boji so si priborili boljše plače in obenem preprečili celotno privatizacijo luke.

- V bližini Cremone od leta 1984 obstaja kmetijska zadruga IRIS, ki razvija lastne agronomske sposobnosti z namenom spodbujati uporabo metod in tehnik biološkega kmetijstva. V par letih je postala pomembna točka v državnem in mednarodnem kmetijskem sektorju. Maja leta 2005 je odkupila tovarno testenin “PASTA NOSARI”, katero je takrat zajela huda kriza. Obdržali so iste delavne pogodbe, izboljšali so organizacijo, dodali dve delavni pavzi v teku dneva in povečali število delavcev. (www.irisbio.com)

- leta 1995 nastane komuna Urupija v Salentu, samoupravni projekt, ki danes šteje okrog deset »komunard«. Ustanovni principi so med drugimi odsotnost zasebne lastnine, privolitveni princip in soglasnost pri odločitvah. Proizvodnja, delo, ritmi in odločitve delujejo na podlagi prostovoljnosti. Ekonomska podlaga te komune sloni na biološkem kmetijstvu in na pravičnem trženju lastnih pridelkov. (urupia.wordpress.com)

Povsod, tudi v naši bližini, se širijo pobude, ki težijo k ustvarjanju prostorov za skupno življenje. Tu se uresničujejo ideje enakopravnosti in svobode med posamezniki, preko katerih se lahko sprožijo ideje za morebitno socialno in proizvodno zamenjavo. Naj pomislimo na Skupine za solidarno nabavo, kjer se osebe organizirajo za nakup izdelkov in primarnih dobrin direktno pri proizvajalcu, z namenom zmanjševanja vpliva na ekonomijo in na okolje, ustvarjanja nove vrste izmenjav in zasedbe hiš in raznih prostorov za stanovanjske potrebe oziroma za ustvariti nove vrste socializiranja.

Primeri socialnega samoupravljanja in boja, ki se vsakodnevno odvijajo po vsem svetu, nam dokazujejo možnost zamišljanja in ustvarjanja drugih poti.

Libertarna skupščina

Kontakti:

Anarhistična skupina Germinal

Ul. Del Bosco 52/A

odprta vsak četrtek od 18 do 20

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

germinalts.noblogs.org

 

Unione Sindacale Italiana (sez.provinciale) USI-AIT

Ul. dei Cunicoli 11

odprta vsak ponedeljek od 18 do 20

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.usi-ait.org

tel-fax 040/567220

condividi
 

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe