Scarica e leggi LOTTA di CLASSE in formato PDF

N° 132

ldc131

 


 

 

logo

 

USI antimilitarista

Lavoratori "appaltati"

 

 

http://www.cnt.es/sites/all/themes/cenete/logo.png

http://www.fau.org/box_left/leftbox_030207181443/box_bild

Volumi Centenario USI

IL LIBRO LE FIGURE STORICHE DELL'UNIONE SINDACALE ITALIANA

libroUSI 1

ALMANACCO DI "GUERRA DI CLASSE" 1912-2012

cover Libro USI2clicca sulle immagini per ingrandirle

LEGGI QUI PER ALTRE INFO

Home Notizie
Notizie
Le chiamavano ... "cooperative"
Scritto da Administrator   
Venerdì 06 Ottobre 2017 19:32

L' Usi – Ait sezione di Reggio Emilia condanna con forza la disdetta unilaterale da parte di Legacoop e di Confcooperative del Contratto Integrativo Provinciale.

 

Una mossa, questa, che coinvolgerà nella nostra provincia più di 5.000 lavoratori impiegati dalle Cooperative Sociali nel campo educativo, sanitario e sociale.

Leggi tutto...
 
Un corteo contro il G7
Scritto da Administrator   
Mercoledì 04 Ottobre 2017 20:31

Delle iniziative contro il G7 nella giornata di venerdì 29 settembre si è svolta una manifestazione di protesta a Torino legata soprattutto alle tematiche del lavoro. L’iniziativa era stata promossa dalla Federazione Anarchica Torinese, con la partecipazione della CUB, SI Cobas, “il sindacato è un’altra cosa” opposizione in Cgil, Sinistra Anticapitalista, Rifondazione e con la presenza anche di compagni dell’USI-AIT che per l’occasione hanno distribuito un volantino dello Sciopero Generale del 27 ottobre.

Leggi tutto...
 
Se toccano uno toccano tutti!
Scritto da Administrator   
Sabato 30 Settembre 2017 06:58

SOLIDARISSIMI!!!

 

Massima solidarietà ai facchini del SDA, azienda semipubblica che svolge lavoro di spedizione per le Poste Italiane, in sciopero da una settimana in difesa dei propri diritti.

Ultimo aggiornamento Sabato 30 Settembre 2017 07:03
Leggi tutto...
 
23 settembre 2017
Scritto da Administrator   
Venerdì 29 Settembre 2017 07:43

Pubblichiamo la mozione finale approvata nel corso dell’Assemblea nazionale – indetta dalle OOSS promotrici dello sciopero generale del 27 ottobre p.v. – svoltasi a Milano il 23 settembre scorso.


L’assemblea approva e condivide l’obiettivo di costruire una nuova stagione di lotta e mobilitazione che coinvolga tutti i lavoratori, le lavoratrici, i ceti più poveri della popolazione, quanti sono impegnati nel conflitto sociale, per esprimere tutto il proprio dissenso verso le politiche borghesi e per cambiare con la lotta questo sistema.

 

Le organizzazioni che hanno promosso l’assemblea e i partecipanti decidono di impegnarsi per far diventare lo sciopero del 27 Ottobre l’occasione per unificare le lotte in corso e avviare un ciclo di lotte adeguato a contrastare le disuguaglianze prodotte dal sistema capitalistico e rilanciare i conflitti in un percorso di costruzione di lotta di classe.

Leggi tutto...
 
Poteri locali
Scritto da Administrator   
Mercoledì 27 Settembre 2017 06:41

Usi Enti Locali esprime perplessità sui poteri locali dopo il cambio di amministrazione

 

Una riflessione non scevra di dubbi è quella fatta da Gianni Marchi e Luca Albertosi di Usi Enti Locali sulla macchina amministrativa locale anche dopo il passaggio della guida in mano ai 5 Stelle. Ecco il testo integrale del comunicato:

La spinta popolare che ha portato al governo di Carrara i 5 stelle ora deve essere tradotta in azione amministrativa. Più facile dirlo che farlo. Nell’amministrazione si trovano posizioni di dominio che vogliono mantenersi e condizionano la vita dei cittadini e di chi lavora. In Apuafarma il presidente Volpi si è dimesso, ma i quadri intermedi che gestiscono le cose e le persone? Di loro almeno due cose si possono dire: non hanno tutelato chi lavora, ma neppure l’azienda, che accumula debito  come se nessuno sapesse controllare i meccanismi che creano i buchi di bilancio. Per Apuafarma, attendiamo il processo sulle fatturazioni al cimitero di Turigliano.

In comune non sono confermati i dirigenti a tempo determinato mentre i soliti dirigenti restano dove stanno da anni. Non ci scandalizza la passeggiata del dirigente Boldrini negli uffici comunali con uno Zubbani a fine mandato. Era una parodia di “Uccellacci e uccellini”con Boldrini come candido Ninetto Davoli della Piana di Pisa? Ci interessa invece l’applicazione delle norme anticorruzione, che facendo girare i dirigenti tra i settori, farebbe ben funzionare la macchina comunale, con buone ricadute sui cittadini e su chi lavora. I dirigenti devono cambiare settore, ma hanno fatto proliferare nella loro ombra quadri intermedi che hanno la gestione del comune. Non sempre per il meglio, essendo scelti e sottoposti al dirigente. Sempre lo gestiscono per mantenere la proprie posizione di vantaggio. Come le Posizioni organizzative. Sono vice-dirigenti  con poteri di direzione, gestione del personale, sono pagate di più di un impiegata di pari livello, ma coi soldi dal fondo comune di tutti i dipendenti. Cosa faranno i 5 stelle su questa delicata materia di contrattazione sindacale? Fin qui, le cose alla luce del sole, ma bisogna anche considerare le eminenze grigie che, senza apparire ma note a tutti, cogestiscono, segnalano, informano, controllano la macchina comunale. Non sempre per il meglio.

La spinta popolare contro il sistema dei partiti non considera che i sindacati confederali sono una parte del sistema, anzi sono la stessa cosa a vedere gli ex-assessori ed ex segretari di partito che fanno i dirigenti sindacali. Spezzare la cogestione e il monopolio dei confederali, garantire la libera concorrenza tra associazioni sindacali è un altro compito difficile cui sono chiamate le persone attente.

 

FONTE: http://www.lagazzettadimassaecarrara.it/politica/2017/09/usi-enti-locali-esprime-perplessita-sui-poteri-locali-dopo-il-cambio-di-amministrazione/

 
Colpo di stato "morbido" in Catalogna?
Scritto da Administrator   
Domenica 24 Settembre 2017 20:23

Comunicato in inglese, spagnolo, catalano ed italiano.


Dear comrades:

below is a statement approved by all unions in the "regional", in this case, Catalonia and the Balearic Islands. Please translate to your local language and distribute and post widely.

If you'd rather work on the Spanish/Catalan version, it can be found here https://cntlhospitalet.wordpress.com/

As I said in my earlier report, the comrades are working hard to distance themselves from the nationalist agenda and introduce a class perspective to the issue, but this is difficult, amid an understandable surge in nationalist sentiment in the people. Meanwhile, repression is growing larger, and the militarisation of Catalonia is starting to look more and more like a "soft" coup

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Settembre 2017 07:01
Leggi tutto...
 
Una lotta simbolo
Scritto da Administrator   
Venerdì 22 Settembre 2017 20:02

NICOLA E L'U.S.I. NON MOLLANO E ALLA FINE...VINCONO!!!


Grande vittoria finale della lotta, durata anni, di Nicola e dell'USI contro la cooperativa TKV per il mancato pagamento della reperibilità ai lavoratori cimiteriali (che dovevano stare a disposizione 24 ore su 24 per eventuali recuperi di salme). Una vertenza condotta prima sul luogo di lavoro e poi nelle aule giudiziarie.

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Settembre 2017 20:09
Leggi tutto...
 
L’inquieta attitudine
Scritto da Administrator   
Mercoledì 13 Settembre 2017 06:53

Camillo Berneri e la vicenda politica dell’anarchismo in Italia
Secondo Libro
Il biennio rosso e rossonero

Edizioni Kronstadt

 

Nel campo dell’anarchismo classico, nessuno più di Camillo Berneri ha sostenuto con così tanta determinazione la necessità di un’attitudine anarchica alla politica, di un anarchismo politicamente maturo.


D’altra parte, mai come nei due anni di tempesta sociale che seguirono la fine della Grande Guerra, il corpo militante dell’anarchismo italiano è stato attraversato da così vasti processi di maturazione politica.

Leggi tutto...
 
La lotta è di classe (o non é)
Scritto da Administrator   
Giovedì 07 Settembre 2017 16:39

27 OTTOBRE SCIOPERO GENERALE!

UNA IMPORTANTE PROVA DI FORZA CONTRO IL GOVERNO E IL PADRONATO

 

Che le forze padronali in stretta alleanza con quelle governative ci vogliono schiacciare fino all’umiliazione insopportabile è un disegno che soprattutto negli ultimi anni si è palesato fin troppo bene con la cancellazione delle principali conquiste del movimento dei lavoratori/lavoratrici, l’espulsione crescente dai luoghi di lavoro, la precarizzazione diffusa, fino alla eliminazioni delle forme di lotta più fastidiose.

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Settembre 2017 17:54
Leggi tutto...
 
Calendario iniziative
Scritto da Administrator   
Sabato 26 Agosto 2017 07:06

Campagna nazionale di controinformazione, sottoscrizione e solidarietà con il popolo Mapuche.


Per quanto riguarda la sottoscrizione per i Mapuche si rammenta che il conto corrente postale su cui versare i contributi è il 1026369544 ed è intestato a Unione Sindacale Italiana Marche, specificare sempre la causale.



Chiediamo che chi ci invia fondi contemporaneamente ci avverta con un email a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , sarà fornita a tutti ricevuta per il denaro versato.

 

 

 



23 settembre 2017 a Varese serata di solidarietà con i compagni colpiti dai fogli di via di Minniti & co.

 





Festa USI-AIT. 29/30 settembre Modena

Ultimo aggiornamento Sabato 26 Agosto 2017 07:21
 
Isis e fascismo: fazioni che non ci rappresentano
Scritto da Administrator   
Sabato 19 Agosto 2017 15:40

La Cnt di fronte all’attentato di Barcellona

Dalla Confederazione Nazionale del lavoro esprimiamo la nostra più assoluta pena, indignazione, confusione e dolore per l’attentato a Barcellona di oggi pomeriggio.

Ancora una volta è stato il popolo, la popolazione civile, la gente comune, quella che ha subito le conseguenze di guerre che non sono sue.

Ancora una volta sul popolo ricade la sofferenza e i morti.

Questa volta ha cambiato la posizione, ha cambiato il posto. Questa volta è stato colpito il cuore di Barcellona. Ma ancora una volta l’obiettivo è stato lo stesso: la popolazione civile disarmata e innocente.

Sia in Iraq, Afghanistan, Siria, Yemen, Londra, Parigi, Berlino, nel mediterraneo o nei recinti di Melilla, torniamo a diventare vittime predestinate, in danni collaterali di una guerra tra fazioni che non conosce tregua, che non risparmia i mezzi né si pone limiti  per raggiungere i suoi obiettivi, che non conosce il significato della parola “amore”.

Fazioni per le quali il potere è al di sopra delle persone e della vita e dello stesso concetto di "umanità".

Ultimo aggiornamento Sabato 26 Agosto 2017 07:20
Leggi tutto...
 
Pagina 1 di 50

Scarica l'app dell'AGENDA ROSSONERA 2017

http://www.agendarossonera.org/

copertina

USI: metodo e azione anarcosindacalista

Pagina Facebook


 

Pagina Lotta di Classe